Filippo Mainardi (1548-1570)
Nato da Tomaso Mainardi, che, originario di Ronco d’Ampezzo, si trasferì con la famiglia a Lorenzago di Cadore, Filippo Mainardi da giovanissimo compì gli studi legali e fu eletto Rettore dei Giuristi dell’università di Padova; fu autore di un testo in versi in lingua latina dedicato al doge Luigi Mocenigo, che nel 1570 lo creò Cavaliere di San Marco, ovvero Cavaliere dello Speron d’oro, primo fra i cinque cadorini che ebbero questa onorificenza.
Morì nello stesso anno, all’età di 22 anni “a quel che pare, per invidia, forse avvelenato”. Sepolto a Lorenzago di Cadore nella chiesa parrocchiale, dove si trova il monumento con iscrizione latina, collocato dal padre e dai fratelli.
Filippo Mainardi (1548-1570)
Nato da Tomaso Mainardi, che, originario di Ronco d’Ampezzo, si trasferì con la famiglia a Lorenzago di Cadore, Filippo Mainardi da giovanissimo compì gli studi legali e fu eletto Rettore dei Giuristi dell’università di Padova; fu autore di un testo in versi in lingua latina dedicato al doge Luigi Mocenigo, che nel 1570 lo creò Cavaliere di San Marco, ovvero Cavaliere dello Speron d’oro, primo fra i cinque cadorini che ebbero questa onorificenza.
Morì nello stesso anno, all’età di 22 anni “a quel che pare, per invidia, forse avvelenato”. Sepolto a Lorenzago di Cadore nella chiesa parrocchiale, dove si trova il monumento con iscrizione latina, collocato dal padre e dai fratelli.

Modello 3D

      TORNA AL SOFFITTO DELLA MAGNIFICA